Condividi su Facebook

La Repubblica sociale italiana a Desenzano: Giovanni Preziosi e l'Ispettorato generale per la razza

La Repubblica sociale italiana a Desenzano: Giovanni Preziosi e l'Ispettorato generale per la razza
A cura di:
Anno di edizione:
2008
Pagine:
220
Illustrato:
no
Legatura:
brossura
ISBN:
978-88-8057-301-2
Disponibile:
si
Prezzo:
20 € 17 €

 Sconto 15% 

L'Ispettorato generale per la razza venne creato da Benito Mussolini nel marzo 1944, durante la Repubblica sociale italiana, col compito di intensificare le campagne antiebraica, razzista in genere, antimassonica. Il dittatore nominò Ispettore generale per la razza Giovanni Preziosi, decano degli antisemiti italiani. L'Ispettorato ebbe sede nel comune di Desenzano del Garda e fu attivo fino all'aprile 1945.
Questo volume contiene le relazioni presentate all'omonimo Convegno di studi, tenutosi a Desenzano il 24 gennaio 2007 in occasione del "Giorno della memoria" e organizzato dal comune di Desenzano del Garda e dalla Fondazione centro di documentazione ebraica contemporanea Cdec di Milano, entrambi mossi dal desiderio di conservare memoria e sviluppare le conoscenze sull'Ispettorato e su Preziosi. Si tratta del primo convegno in assoluto sul tema.
Il volume contiene saggi di studiosi qualificati, quali Gaetano Agnini, Francesco Cassata, Francesco Germinario, Liliana Picciotto, Mauro raspanti, Marino Ruzzenenti e Michele Sarfatti, che mettono a fuoco temi quali la politica antiebraica della Repubblica sociale italiana, la sua attuazione in provincia di Brescia, l'attività dell'Ispettorato generale per la razza nel 1944-1945, il pensiero e gli scritti antisemiti di Preziosi, la sua collocazione nel contesto dell'antisemitismo italiano.
Per oltre dodici mesi Preziosi e l'Ispettorato incrementarono la propaganda e l'elaborazione antiebraica della Repubblica sociale italiana, fornendo un retroterra importante e necessario alle parallele azioni di arresto, internamento e deportazione degli ebrei. Questo volume ricostruisce cosa effettivamente fecero e quali erano i loro obiettivi.
Per offrirti un servizio migliore Giuntina.it utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.