Condividi su Facebook

Forse sogno di vivere

Forse sogno di vivere
Sottotitolo:
Una bambina rom a Bergen-Belsen
Autore:
Numero:
136
Anno di edizione:
2007
Traduzione:
Enrico Paventi
Pagine:
82
Illustrato:
no
Legatura:
brossura
ISBN:
9788880572763
Disponibile:
si
Prezzo:
10 € 8,5 €

 Sconto 15% 

Reduce dalla deportazione ad Auschwitz e Ravensbrück perché Rom, l’undicenne Ceija Stojka giunse nel campo di concentramento di Bergen-Belsen al principio del 1945. Vi sarebbe rimasta – insieme alla madre e ad altri parenti – fino all’aprile dello stesso anno, quando il lager venne liberato dai soldati dell’esercito britannico. Di lì a poco poté intraprendere il lungo viaggio per tornare nella sua città, Vienna.
Dopo oltre mezzo secolo, l’ormai settantenne Ceija Stojka ricorda i mesi trascorsi a Bergen-Belsen. Descrive senza enfasi la spaventosa quotidianità – l’onnipresenza della morte, il tormento della fame, le violenze subite, la ferma volontà di sopravvivere – e ce ne restituisce un’immagine vivida.
Pur avendo visto di quali crudeltà gli esseri umani sono capaci, le parole di Ceija Stojka non tradiscono odio né amarezza. Da esse traspare piuttosto un ostinato interrogarsi su un aspetto: come hanno potuto, tanti uomini, mettersi così ciecamente nelle mani di un altro uomo, di un regime sanguinario? Il suo racconto non fornisce risposte al riguardo ma trae esplicitamente origine da una impellente necessità: ricordare per combattere la sopraffazione e l’oblio, poiché ciò che è stato può ripetersi.
Per offrirti un servizio migliore Giuntina.it utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.