Condividi su Facebook

Il tempo dell'esilio

Il tempo dell'esilio
Autore:
Numero:
159
Anno di edizione:
2010
Traduzione:
Donatella Di Cesare
Pagine:
95
Illustrato:
no
Legatura:
brossura
ISBN:
9788880573722
Disponibile:
si
Prezzo:
10 € 8,5 €

 Sconto 15% 

La nuova condizione umana nel mondo globalizzato appare sempre più quella dell’esilio. La tesi originale, sostenuta da Trigano, è che l’esilio non sia una mera fatalità subita e non possa più essere visto nei termini negativi di un semplice sradicamento. L’uomo crede di avere radici, così come è convinto di appartenersi, di far corpo con il proprio mondo. L’esilio rompe questa relazione di identità dell’individuo con il suo ambiente: è la frattura che determina la perdita della terra, la scomparsa dei riferimenti quotidiani, la rovina delle abitudini. Ma è anche la possibilità di vedere la condizione umana in modo nuovo, come una libertà creatrice che affranca dal determinismo della terra e apre la via del ritorno. Attraverso una sorta di percorso autobiografico Trigano ripercorre le tappe dell’esilio che, come insegnano le fonti ebraiche alle quali attinge, è un cammino non verso il passato dell’origine, ma verso una nuova modalità di convivere nel futuro.
Per offrirti un servizio migliore Giuntina.it utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.