Gheula Canarutto Nemni

Sono una cacciatrice di sogni. Passo le giornate a cercare di capire come fare per non perderne nemmeno uno. Sono un’ebrea italiana orgogliosa di appartenere alla nazione più antica del mondo. A diciannove anni ho incontrato il mio futuro marito. Sono ortodossa, tra ragazzo e ragazza non ci possono essere contatti fisici prima del matrimonio. Mi sono sposata. Mancava un mese e mezzo agli esami di maturità. A 20 anni ho avuto la mia prima figlia. Ho capito di aspettare un bambino quando sono svenuta davanti alla segreteria dell’università. Mi sono laureata alla Bocconi in Economia e Commercio, ho frequentato un master in amministrazione, finanza e controllo, ho insegnato in università per otto anni. Nel frattempo ho contribuito ad  innalzare la media nazionale dei figli di qualche punto. Ho lasciato la docenza per contribuire a migliorare il mondo attraverso le parole. Come piccoli semi gettati nell’aria, prego che i miei pensieri arrivino dove ce n’è più bisogno. Il motto della mia vita si condensa in tre frasi dette dal maestro Hillel: Se non sarò per me chi sarà per me? Ma quando sono per me cosa sono? Se non ora, quando?



Per offrirti un servizio migliore Giuntina.it utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.