Condividi su Facebook

La Rassegna mensile di Israel VOL. 82 N. 1 GEN-APR 2016

La Rassegna mensile di Israel VOL. 82 N. 1 GEN-APR 2016
Autore:
Anno di edizione:
2016
Pagine:
250
Illustrato:
si
N° illustrazioni:
in bianco e nero
ISBN:
9788880576822
Disponibile:
si
Prezzo:
18 €

«La Rassegna Mensile di Israel», fondata da Alfonso Pacifici e Dante Lattes nel 1925, è la più importante sede di dibattito culturale dell’ebraismo italiano. Gli oltre ottanta volumi, le rassegne, i contributi scientifici pubblicati, le migliaia di libri recensiti, fanno della rivista una fra le più longeve e autorevoli voci dell’ebraismo europeo, interrotta solo dalle leggi antiebraiche del fascismo e dai successivi eventi bellici.

La prima parte di questo numero è composta da sette saggi, interamente dedicati all’ebraismo italiano. Apre il volume una nuova testimonianza, risalente alla Venezia del 1519, sull’origine e diffusione della parola “ghetto”, presentata da Angelo M. Piattelli. Segue un lavoro sull’apostata Giulio Morosini, la cui micidiale opera di diffamazione è analizzata da Alessandra Levi; la figura del rabbino veronese Leone Leoni è ricostruita con pietas da Laura Graziani Secchieri. Di storia ebraica italiana tratta anche lo studio di Claudia Di Cave, che ricrea l’etimologia del termine giudaico-romanesco “peromante”. Parla ancora di Roma il testo di Vega Guerrieri, all’epoca della Seconda guerra mondiale e dei suoi terribili contraccolpi sulla vita quotidiana ebraica. Elia Boccara ricrea un periodo sconosciuto della storia degli ebrei italiani in Tunisia. Infine, lo storico del folclore dell’Università dello Utah Steve Siporin, esperto di storia degli ebrei italiani, illustra il lascito letterario di Augusto Segre, che della «Rassegna Mensile di Israel» fu direttore dal 1975 al 1979 e alla cui memoria è dedicata la copertina di questo volume.

La sezione Dibattito, dedicata a Israele e Diaspora, è composta da quattro contributi: Sergio Della Pergola illustra la sempre più complessa situazione demografica dello Stato d’Israele; Daniele Fiorentino traccia una breve storia della cosiddetta “simbiosi ebraico-americana”, Giorgio Gomel si sofferma sulla dualità Israele-Diaspora, cercando di evidenziarne la comune matrice etica. Maurizio Molinari, infine, conclude con un accenno ottimista, paragonando Israele alla gigantesca start up «di una nuova formula di identità nazionale».

Per offrirti un servizio migliore Giuntina.it utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.