David Meghnagi

David Meghnagi è nato a Tripoli da una famiglia ebraica in cui era fortemente coltivato l'amore per la musica e il canto liturgico.
Ideatore e direttore del Master internazionale di secondo livello in Didattica della Shoah presso l’Ateneo di Roma Tre, all’interno del quale dirige un progetto di catalogazione della musica concentrazionaria (prevede la pubblicazione della musica composta nei campi di prigionia della Seconda Guerra Mondiale).
Professore di Psicologia Clinica, Psicologia dinamica e Psicologia presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Roma Tre, docente di Psicologia della Religione e di Pensiero Ebraico al Master Internazionale in Scienza della Religione di Roma Tre
Membro della Delegazione italiana presso la Task Force for International Cooperation on Holocaust Remembrance and Education.
È stato Vicepresidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e delegato per l’Italia presso la Conferenza dell’OSCE contro l’antisemitismo. È stato consulente del Centro di Cultura Ebraica di Roma .
Membro del comitato scientifico di numerose riviste scientifiche e divulgative italiane e straniere tra cui Lettera internazionale (rivista di cultura europea pubblicata in numerose lingue), Quadrangolo (rivista di psicoanalisi e scienze sociali) e la rassegna mensile Israel
Ha collaborato a diverse testate giornalistiche e riviste italiane e straniere (tra cui Avvenire, Il Messaggero, l’Unità, Liberation, MicroMega, International Review of Sociology, International Review of Psychoanalysis, Judaica - Zurich, Lettera Internazionale, Prometeo, Quadrangolo, la Repubblica).
Negli anni settanta e ottanta è stato attivo nello sviluppo di una cultura del dialogo interreligioso e di una politica di pace nel Vicino Oriente
Ha avviato un progetto di valorizzazione della musica liturgica del Mediterraneo. Un primo esito di questo progetto è la pubblicazione di Shiru Shir, un CD interamente dedicato alla musica liturgica degli ebrei di Libia. Il CD a cura dell’autore è stato pubblicato dall’Associazione Europa Ricerca.
Tra le sue numerose pubblicazioni: Il Kibbutz: aspetti socio-psicologici (Roma 1974), La sinistra in Israele (Milano 1980), Freud and Judaism (London, Karnac Books, 1993), Tra Vienna e Gerusalemme. Interpretare Freud, Venezia, Marsilio, 2003; Ricomporre l’infranto. Il lutto della Shoah nell’esperienza dei sopravvissuti, Venezia, Marsilio, 2005; Scrittura e testimonianza, Firenze, Libri Liberi 2005. Ha curato l’edizione italiana delle memorie di Marek Edelman, Memoria e storia dell’insurrezione del ghetto di Varsavia, Roma, Città Nuova, 1985; con altri ha curato La cultura sefardita, in tre volumi, Roma, Israel, 1984; Antinomie dell’educazione, Roma, Armando, 2004. È stato coautore di numerosi volumi tra cui: Il sistema educativo del kibbutz, Firenze, 1975; Il tempo del transfert, Guerini, Associati, 1989; Judentum Ohne Halacha, Ohne Zionismus, Judaica, Zurich, 1986, ecc.


Per offrirti un servizio migliore Giuntina.it utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.